top of page
Cerca
  • Gerardo Paoletti

Ali straniere Poesie, haiku, distici

Aggiornamento: 9 ago 2023



Opulens


RIVISTA QUOTIDIANA DI CULTURA SVEDESE

28 novembre 2022 LETTERATURA .


Poesie stimolanti per il nostro tempo

di Ida Andersen


Maura Del Serra, Ali Straniere, Roma, Newton Compton Editori, 202

Ida Andersen ha letto l'ultima raccolta di poesie della poetessa italiana Maura Del Serra Ali Straniere (Främmande vigar) e desidera che questo libro raggiunga i lettori svedesi.

In questi tempi fatidici, molti probabilmente provano un desiderio di spiegazioni, di speranza o di opportunità per lanciare un incantesimo sui pensieri di sventura. Personalmente, sento il bisogno di riflettere su ciò che noi umani stiamo attraversando in questo momento. La paura, la preoccupazione, l'impotenza, ma anche la nostra ricerca di tracce da seguire per vivere il più possibile in armonia con la terra, con noi stessi e con gli altri. Sì, c'è un forte bisogno di un interprete del nostro tempo, ma di una voce non scientifica, non semplicistica, che non accarezzi i capelli ma che comunque non faccia paura. Una voce umana ma totalizzante che allevia non solo l'ansia climatica ma la sensazione di impotenza generale. Un posto dove puoi trovare quiete, senza scappare.

Forse questo esiste solo nel mondo del pensiero, o perché no nella poesia, mi chiedo.


Ho letto di recente l'ultima raccolta di poesie della poetessa italiana Maura Del Serra Ali Straniere (Roma, Newton Compton 2022), con poesie scritte tra il 2016 e il 2022 e sono rimasta colpita da come lei risponda proprio a queste esigenze, e da quanto scottanti siano le questioni che circondano il nostro esistere.


Avendo seguito la produzione lirica di Del Serra negli ultimi due decenni, riconosco dal titolo molte poesie, ciascuna incentrata su un evento, una persona, un luogo o una circostanza. Non di rado espressi in forma di dialogo, come discorsi o come voci all'interno delle poesie. Negli ultimi anni alla sua produzione lirica si sono aggiunti anche haiku, distici e aforismi. Se in termini di forma tutte queste espressioni possono sembrare divergenti, le poesie sono sempre state tenute insieme da uno stile di vita esistenziale ed etico, che è radicato nella saggezza antica, nella metafisica e nell'introspezione unite ad uno sguardo insieme analitico e tenero, e non di rado umoristico, sia verso il mondo esterno che verso l'umanità stessa.


Nell'ultima raccolta di poesie, questo atteggiamento morale è maturato e ha messo in luce ulteriori dimensioni. L'ultima poesia della raccolta parla di un testamento poetico. C'è qualcosa di grave e definito nello scrivere un testamento. Ma non è esattamente il tipo di sensazione che molti di noi provano adesso? Che è giunto il momento di riunirsi prima della cessazione definitiva della terra, della vita come la conosciamo.


Tuttavia, nella raccolta di Maura Del Serra non ci sono né poesie rassegnate né evasive. Piuttosto, riesce a mantenere il lettore con i piedi per terra e nel presente. Nella primissima poesia Il pianterreno siamo subito in una visuale dal basso e dall’interno di questo piano terra dove "viviamo al cinque per cento in un sogno fumoso ed affannato” sognando attici con super vista sul cielo stellato. Ma le "loro" voci cercano di convincerci di tutti i vantaggi di vivere al piano terra: Il piano terra è la dimensione più giusta per voi! (L'ironia è sorprendente) e ottiene la risposta: "Salire illumina il morire". "Ci basterà un balcone affacciato sul giorno dell’altra dimensione".


Già qui c'è una sorta di conferma. La poesia descrive che noi - davvero - non abbiamo mai voluto questo sforzo verso l'alto, il lusso, il consumo eccessivo, tutto ciò che ha causato lo stato in cui si trova ora la terra, ma che siamo stati ingannati anche se il nostro vero io si era accontentato della vista di un'altra dimensione, che può essere semplice come vivere più spiritualmente o più concretamente.


Nella successiva poesia "Fede nel mattino" l'io poeta chiede "all'erba di strada il coraggio ultraterreno / di fiorire là dove non c'è terra, e / di toccare al centro del labirinto / l'albero della vita con la sua porta, grembo / spiralico del tempo dove è dato / ricordare il futuro e prevedere il passato”.


Queste due poesie di apertura seguite dalla sezione "Al nero" danno il tono al resto della raccolta. Là, i vecchi, tremanti di gioia, buttano via la chiave dello scrigno del tesoro. C'è "tu la bella solitudine / alla sorgente al tempio coperto dalla selva / della fonte nel tempio ricoperto dal bosco / che sussurra agli dei”. C'è la poesia "Istruzioni per l'uso dei ricordi", cioè non come una mandria di cavalli selvaggi che calpestano il presente perduto, ma come sassi erbosi in cammino verso la grotta della luce costante dove la coscienza genera il destino.


Piuttosto, il testamento di Del Serra è questo: auguri sinceri per un mondo dove il male sia stato bandito o non sia mai esistito. Un modo di pensare molto umano, in favore del quale il poeta ci esorta ad impegnarci per mantenere pulita la nostra coscienza. Forse il compito più importante che abbiamo sulla terra adesso?


Come sottosezioni di "Al Nero" c'è un "Dittico della consumazione "Trittico del contagio" e una "Preghiera in tempo di peste".


In altre parole, in modo innegabile, Del Serra continua a catturare il contemporaneo e a offrirci il suo approccio ad esso. Come poeta, esprime uno sguardo completamente aperto e onesto, non si sofferma sul nero, non lo colpisce disperatamente, non si inasprisce, ma lo incorpora nella saggezza e nell'accettazione. Come se ci fosse sempre speranza e riscatto nella poesia, nella parola.


E non è così che dobbiamo vivere, ora e nonostante tutto, nella consapevolezza che "Dietro il silenzio, solo, in mille lingue / fiamma la parola".


In tal senso, le poesie non sono solo confortanti, ma mostrano anche che la poesia può avere un ruolo importante come interpretazione e delucidazione appagante della realtà.


Anche nel "Polittico della notte" c'è uno sguardo sul presente e sui fenomeni umani: L'umiliazione, dove l'amore reciproco che mira a una luce futura è ora rannicchiato in una grotta dell'Antartide ma lì brulica comunque con le foto ingiallite (i ricordi) si posa sulle ferite. Anche nella poesia "Le anime nere", che è una risposta sia all'attacco terroristico dell'IS a Parigi nel 2015 sia all'attacco della Russia all'Ucraina di quest'anno, c'è un tratto conciliante, non nei confronti degli attacchi in quanto tali, ma sotto forma di empatia e lucidità: la dea della ragione brancola nell'oscurità e l'orgoglio armato brucia le cicatrici terrorizzate dell'Europa.


Maura Del Serra usa un linguaggio visivo riccamente sviluppato, spesso a più strati, e non di rado attinge materiale da antichi miti. A volte affronta o nomina concetti generali e carichi di tradizione come l'Occidente, l'Oriente, la Musa, la Madre Verità, l'Anima e il Corpo e così via. Può sembrare insolito e inopportuno per poeti e lettori svedesi, ma Del Serra basa tutto ciò che scrive su una conoscenza classica e letteraria quasi inesauribile e, come ho detto, su una grande esperienza di vita, saggezza mitica e spiritualità altruistica. Non ultimo si capisce che queste abilità sono sia vive che di grande conforto per lei stessa, ma da queste fonti riesce a trasmetterle anche al lettore. Nella poesia "Canto di Psiche",


Un coro misto di voci pure

e di voci tarlate d'esperienza,

di grilli lievi e di rane abissali –

Un coro vergine di creazione

si è alzato in fuoco da Alfa ad Omega

Un coro trasparente

mi vola nella mente stanotte, prima notte

che oso guardare Amore addormentato

aspettando il castigo ed il perdono

che mi daranno le ali.”


Attraverso riferimenti a Freddie Mercury e John Lennon così come Cassandra e Shakespeare e per entrambi guardare verso il mondo esterno ed essere personalmente colorati per non dire intimi, come sopra, le poesie sono quindi spesso stratificate sia nel tempo che nello spazio.


Molte poesie sono scritte ao su amici, personali e letterari, così come su viaggi e luoghi. Anche qui il personale diventa universale, sfaccettato e un modo di guardare il mondo con un sorriso amichevole, o con gli occhi di un bambino: come quando il nipotino con la sua piccola brocca d'acqua in mano dice "voglio per assorbire la luce". Al che la luce "rimbalza nel mio giardino / come un pony assetato e trasparente / e beve dalla mano di tuo figlio".


Alla fine della raccolta di poesie ci sono le poesie brevi, le poesie a due righe e le poesie haiku che sono in gran parte modellate in aforismi brillanti e profondamente esistenziali come questa breve poesia, che si collega anche al nostro approccio al presente:


Come foglie


Tremando

come foglie sul fiume

il protratto addio a tutte le cose della terra.


Non è questo tremore che ci attraversa tutti? Parte del nostro addio collettivo a noi stessi, alla terra e a tutti coloro che la abitano?


È facile vedere come Del Serra abbia creduto di aver scritto il suo testamento poetico, tutti citati, nessuno – e niente – dimenticato. Dubito ancora che sia l'ultima raccolta di poesie di questa prolifica autrice, che ha scritto anche una lunga serie di drammi poetici, dove spesso dà voce a donne storiche, libri di critica e saggistica e ne ha fatte innumerevoli traduzioni, ultima Il radicamento di Simone Weil .


E nell'ultimo lungo poema, che si intitola appunto "Il testamento del poeta", promette: "su astronavi o barchette del pensiero / ritornerò da te" e poi "parlerà nella lingua dell'atomo immortale / ed estrarrà cristalli da ogni lapide."


C'è una ragione più grande, credo, per abbracciare questa raccolta di poesie come poesia nel nostro tempo, per il nostro tempo. Le poesie non solo riflettono e interpretano lo zeitgeist, ma attraverso la possibilità intrinseca delle parole riflettono la luce esplicativa e gli incantesimi in cui abbiamo bisogno di riposare e da cui trarre forza di fronte ai disastri sia attuali che futuri.


Maura Del Serra, classe 1948, cresciuta e residente a Pistoia, oltre a quella di scrittrice e traduttrice ha svolto attività di docente di Lettere presso l'Università di Firenze. È ampiamente acclamata per la sua poesia e dramma, nonché per la sua lunga carriera di scrittrice, eppure è stranamente sconosciuta al grande pubblico, forse perché non è pubblicata dai grandi editori dominanti i cui libri tendono ad avere più spazio sulla cultura pagine.


Compra Poeti contro la guerra!

Sostieni il popolo ucraino - Compra Poeti contro la guerra! SEK 68

Leggi di più QUI!

In Svezia, oltre alle poesie su riviste, Maura Del Serra viene pubblicata anche nel 1997 con il dramma Rosens Ande tradotto da Vibeke Edmond (Ellerströms förlag), nel 2014 con una raccolta bilingue di poesie tradotte da Julian Birbrajer: Sånger och Stenar/Canti e pietre , con immagini dello scultore Staffan Nihlén (Bokförlaget Tranan), ed è presente in una prossima antologia di poeti contemporanei edita dall'Istituto Italiano di Cultura, nella neonata collana Kometer , con un focus sulle poetesse italiane e con Daniela Marcheschi come editore. Queste poesie sono anche tradotte da Julian Birbrajer.


Posso solo sperare che anche i lettori svedesi traggano beneficio dalla sua ultima raccolta di poesie, anche perché il clima si è ulteriormente indurito dopo le elezioni sia qui che in Italia.


IDA ANDERSEN


4 visualizzazioni

Comments


bottom of page